La nuova metodologia Behavior Based Safety (BBS) promossa da Humanform, è uno strumento volto a sviluppare e consolidare la cultura della sicurezza, coinvolgendo in modo attivo i lavoratori. La BBS è una metodologia scientifica derivata dalle Scienze del Comportamento (Behavior Analysis): un dato evento può evocare in tutti i lavoratori lo stesso comportamento solo dopo che tutti i lavoratori sono stati motivati allo stesso modo (paradigma di Skinner). Poiché è provato che l'80% degli infortuni si verifica a causa di comportamenti inadeguati e non per carenza di dispositivi o per condizioni insicure, è evidente l'enorme potenziale di una metodologia progettata per ottenere l'esecuzione costante dei comportamenti di sicurezza. L'opportunità di un approccio innovativo/manageriale e la necessità di monitoraggio/verifica dei risultati ottenuti, sono condizioni imprescindibili per ogni realtà che desideri realmente applicare quanto previsto dalla vigente normativa e perseguire efficacemente il miglioramento dei livelli di igiene e sicurezza sul lavoro. La BBS consente di migliorare i comportamenti di sicurezza con l'obiettivo di ridurre l'influenza dell’errore umano nella maggior parte degli eventi incidentali nei luoghi di lavoro. Studi scientifici hanno dimostrato che il rapporto tra infortuni accaduti e mancati infortuni è di 1/100.
La Behavior Based Safety è l'unica disciplina che consente di ridurre drasticamente il numero di incidenti in modo documentato: circa il 50% degli eventi, infortuni e near misses, solo nel primo anno di applicazione.
Cerchiamo di capire meglio come questo può avvenire e quali sono le basi e il metodo. Ogni intervento di BBS si basa sulla rilevazione prima e dopo del numero e del tipo di comportamenti di sicurezza ed è dunque misurabile su base oggettiva:
- misura del comportamento e non "giudizio" del comportamento;
- analisi delle cause e non "ricerca delle colpe";
- rinforzo del comportamento sicuro e non "sanzione" del comportamento a rischio.
La BBS consente di collegare gli elementi che caratterizzano il comportamento in una relazione funzionale, adottando una procedura in più fasi:
- individuazione dei comportamenti desiderabili, con descrizione in termini esclusivamente quantitativi;
- misurazione oggettiva dei comportamenti;
- analisi funzionale dei diversi comportamenti;
- applicazione di nuove e/o diverse contingenze per ottenere il cambiamento dei comportamenti;
- adozione di strategie per il mantenimento dei risultati nel tempo (schemi variabili di rinforzo, sistemi di performance feedback, self report, ecc...).

HUMANFORM PER TRANSADRIATICO: CLICCA E SCOPRI LA FORMAZIONE